Go to Top

Gran Fondo Tre Valli Varesine: spazio alle E-bike

Varese – Mancano ancora otto mesi alla Granfondo Tre Valli edizione 2020, in programma nel weekend del 3-4 ottobre: tuttavia la Società Ciclistica Alfredo Binda prosegue nella sua opera di programmazione all’insegna di continue e importanti novità.

L’attenzione all’ambiente e all’eco sostenibilità sembra davvero essere il cavallo di battaglia del patron Renzo Oldani e dei suoi collaboratori: se infatti sono già state annunciate le modalità con cui si provvederà a ridurre il consumo di bottiglie di plastica, così come a ripulire boschi e strade nelle aree più prossime agli spazi di rifornimento, un’ulteriore iniziativa è stata ufficializzata proprio nelle ultime ore.

Il giorno della Granfondo, infatti, ci sarà una prima griglia di partenza assolutamente particolare: di questa fila faranno infatti parte le E-bike, le quali prenderanno il via alle ore 9.00 sul circuito “corto” (103 km) per una manifestazione non competitiva, ma dall’alto valore simbolico. Nulla da togliere, chiaramente, alle migliaia di cicloamatori da ogni parte del mondo che si confronteranno con le biciclette “tradizionali”, sui vari percorsi e nelle varie categorie: la presenza delle E-bike servirà però a diffondere ulteriormente il messaggio di un ciclismo più alla portata di tutti, anche di chi è meno propenso alla “fatica pura” derivante dall’utilizzo di un mezzo tradizionale. Perciò gli amanti delle E-bike potranno percorrere un tracciato a loro riservato, in piena sicurezza, per godere appieno della bellezza di valli e laghi varesini.

Chi si iscriverà nel settore E-bike, al costo di 20 Euro, avrà in dotazione lo stesso pacco gara della Granfondo e la medesima possibilità di partecipare a tutte le iniziative correlate, come il pasta party gratuito.

Del resto, diffondere la cultura della bicicletta (con o senza motore elettrico) rappresenta la missione prioritaria della Società Ciclistica Alfredo Binda, dove regna la convinzione secondo cui strade e città con un numero maggiore di bici ed un numero minore di auto sarebbero assolutamente più belle da vivere.